Applicare una soluzione E-Commerce per un sito per la Pubblica Amministrazione.

Bar Camp Rimini, E-Commerce applicato alle P.A.

Bellissima esperienza a Rimini con tanta partecipazione di cittadini. Quello che ci voleva in questo periodo!

Era una bella giornata estiva quando incontrai per la prima volta Mauro Ferri. Mauro lavora presso l’URP di Rimini ed, sulla sua pagina FB si classifica come: Web Content Manager. Conoscendolo ho scoperto che in effetti fa molto di più!

Così fra una chiacchiera e l’altra abbiamo pensato ad un momento in cui poter parlare e confrontarci su temi che potessero essere sia di nostro interesse che, maggiormente, di interesse dei cittadini di Rimini.

Quale miglior occasione per organizzare un Camp? Per fortuna dalle parole si è passati ai fatti e lo scorso 3 Dicembre si è tenuto a Rimini il RiminiCamp.

Rimini Bar CampL’evento è stato realizzato dal Comune di Rimini e ha visto susseguirsi due importanti momenti. Una mattinata in compagnia di esperti di P.A. che ci hanno spiegato l’attuale situazione digitale e social e un pomeriggio in cui il Camp ha preso forma.

La traccia del Camp era limpida: “Se fossi P.A.” e i contenuti riguardavano appunto come ottenere un dialogo aperto e costruttivo fra la Pubblica Amministrazione e la Cittadinanza.
Fra gli obiettivi del Camp c’era come riorganizzare un sito web adatto alle P.A. tenendo ben presente gli aspetti fondamentali del Social e inoltre:

  • Governement 2.0 e partecipazione dei cittadini: quali passi per creare a Rimini un ambiente di hackers civici?
  • l’accesso a internet è un diritto?
  • social media: quali e come?
  • verso l’open data

Con un programma come questo e con esperti del calibro di Stefano Epifani (Docente presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione Università La Sapienza), Gianni Dominici (Sociologo e Direttore Generale di FORUM PA), Ernesto Belisario (Avvocato e Docente Università della Basilicata), Laura Sartori (Docente di sociologia Università di Bologna e responsabile di Open Bologna) le basi per ottenere un buon successo c’era tutte.

Inoltre, nella seconda parte della mattinata sarebbero intervenuti membri del Comune di Bagheria, Jesolo, Cesena, della provincia di Trento e della rete civica di Bologna.

Per finire la sede dell’evento: lo splendido Museo di Rimini con la sua nuova rete wireless.

Mi sono iscritto all’evento e ho aperto il Camp pomeridiano, dopo di me 10 interventi. A testimoniare il successo di questa iniziativa la partecipazione di un centinaio di persone di cui molti privati cittadini e la graditissima presenza di Irina Imola che è rimasta con noi non solo per i saluti di rito ma dall’inizio dei lavori fino al pomeriggio inoltrato.

E tutto questo cosa c’entra con il Commercio Elettronico?

Non ci crederete ma esistono davvero molti punti  in comune fra lo sviluppo di un progetto di Commercio Elettronico e quello di un possibile progetto per una Pubblica Amministrazione.

Vi presento un primo aspetto:

I dati contenuti in una Pubblica Amministrazione che (applicando o no Open Data) sono davvero diverse migliaia partono sviluppandosi sui soliti sistemi Open (da WP a Joomla) che non sono fatti per gestire una tale mole di dati e quindi non rendono “trovabili” i documenti che interessano ai cittadini.

Sapete quali sistemi sono fatti per gestire milioni di “foglie” o schede prodotto? I progetti di E-Commerce dove possono convivere tantissimi articoli divisi in tantissime categorie e sottocategorie ma che, grazie ad una corretta gestione dei loro attributi, rendono facile ed efficace la ricerca degli articoli che desideriamo.

Se i progetti per le P.A. fossero sviluppati tenendo in considerazione questo importante dato si potrebbero davvero “usare” al meglio trovando realmente tutto quello che vorremmo scaricare dal sito del nostro comune.
Si potrebbe arrivare al documento relativo agli assegni familiari e trovare come “suggerito” quello relativo all’iscrizione all’asilo oppure alla dieta dieta che viene utilizzata, oppure ai mezzi o agli altri servizi che possono essere associati agli assegni familiari.

Purtoppo gli interventi in un Camp sono cronometrati in 10 minuti e quindi non si è potuto esporre quanto si voleva ma credo che la mia idea abbia stuzzicato qualche interesse.

E voi? Utilizzatori di E-Commerce? Trovate un’idea interessante applicare una struttura tipica da E-Commerce per la P.A. del vostro comune?

Autore: Dario

Altri articoli che ti potrebbero interessare

17 maggio 2013
Magento Store manager
11 marzo 2013
Aprire un negozio online
lascia un commento

2 Commenti per “Bar Camp Rimini, E-Commerce applicato alle P.A.”

  1. Dario Tana scrive:

    Segnalo il sito ufficiale del Camp: http://www.riminicamp.eu/ con tutti i video per chi non è potuto essere dei nostri e il link al documento che il nostro sindaco Andrea Gnassi ha scritto sull’evento!

  2. Mauro scrive:

    Non avevo visto prima il tuo post Dario, ti ringrazio molto per gli apprezzamenti, in questo momento vengono quasi esclusivamente da fuori mentre l’amministrazione sa a malapena cosa abbiamo fatto, strano no ?
    C’è una vaga e indefinita volontà di essere ‘social’ senza sapere bene cosa questo realmente comporti, spero che piano piano la vostra voce possa arrivare là dove si prendono le decisioni, confido ormai perlopiù su questo, credo che il sistema possa cambiare davvero solo se si trovano i modi per far pesare questa voce. A presto! Ciao.

Lascia un commento

numero verde
numero verde
Commercio on line è un'idea di Marketing Informatico srl
Partita Iva e Codice F. 03570700405 - info@commercio-on-line.com
Numero Verde 800 031945