Si esprime la Corte di Giustizia dell'UE sul caso l'Oréal contro eBay.

Sì: Il venditore è responsabile per la violazione dei marchi!

Le regole dell'Off-Line si applicano anche sul Web

E’ notizia di un paio di giorni fa che la l’Oréal, leader nel settore cosmetici, abbia portato davanti ad una giuria niente meno che eBay.

L’accusa è di aver reso possibile la commercializzazione di articoli l’Oréal sul proprio sito di aste senza un’adeguata autorizzazione dalla casa produttrice. Inoltre eBay avrebbe realizzato delle campagne di marketing su misura proprio per incentivare la vendita di tali prodotti tramite l’acquisto di spazi e annunci su AdWords di Google

Loreal e EbayLa sentenza della Corte di Giustizia dell’UE è stata chiarissima: «chi gestisce un mercato online (parliamo in questa situazione di e-Bay) è responsabile per le violazioni di diritto dei marchi commesse dai suoi utenti. Ma in questo caso dovranno essere i giudici nazionali (dei Paesi dove sono stati venduti i prodotti), a risolvere la causa in conformità alla sentenza emessa».

In pratica l’Unione Europea traccia quelle che sono le linee base ma poi saranno i giudici delle varie nazioni a dover mettere l’ultima parola.

Quindi il titolare di un marchio potrà far valere tutti i suoi diritti su i suoi articoli nei confronti delle persone fisiche che vendono i suoi prodotti tramite un’attività commerciale (si escludono le vendite fra privati). Nel contempo la Corte tutela il proprietario di un’attività commerciale rendendolo non responsabile a meno che non abbia avuto un ruolo attivo in tale commercializzazione.

Per finire
«Anche se il gestore non ha avuto un ruolo attivo», si legge nella sentenza, «deve comunque rispondere se era a conoscenza delle operazioni di compravendita illecite online e non ha fatto nulla per evitarle o rimuoverle. Così come se le Corti degli stati membri dovessero riconoscere che violazione c’è stata allora e-Bay dovrà fornire i nominativi dei suoi clienti che hanno commesso il crimine e consegnarli alla giustizia».

Sicuramente questa sentenza crea un precedente e credo che si possa aprire la strada verso una serie di azioni contro eBay e i siti di annunci /aste proprio per poter tutelare il proprio marchio e i propri articoli.

Era ora no?

Autore: admin

Altri articoli che ti potrebbero interessare

17 maggio 2013
Magento Store manager
11 marzo 2013
Aprire un negozio online
lascia un commento

1 Commento per “Sì: Il venditore è responsabile per la violazione dei marchi!”

  1. Marco scrive:

    Da tempo ho notato varie infrazioni tra gli articoli messi in vendita su ebay.
    A volte alcuni annunci vengono cancellati, ma altre volte no.

    Non troppo tempo fa ho trovato un annuncio su ebay che vendeva feedback/commenti positivi per migliorare la propria brand reputation on line… non aggiungo altro.

Lascia un commento

numero verde
numero verde
Commercio on line è un'idea di Marketing Informatico srl
Partita Iva e Codice F. 03570700405 - info@commercio-on-line.com
Numero Verde 800 031945